NIER: AUTOMATA

  • DATA DI USCITA: 10.03.17
  • SVILUPPO: PLATINUM GAMES
  • PUBLISHER: SQUARE ENIX
  • GENERE: ACTION, GIOCO DI RUOLO
  • CONSOLE: PS4-PC
  • VOTO:
    4.0/5 di voti (1 voti)
  • NIER: AUTOMATA
    TRAILER


  • 16Games nier automata 2


    Yoko Taro torna con un’opera sconvolgente e straordinaria

    Yoko Taro è da molti considerato un visionario, un uomo in grado di emozionare con storie profonde, adulte e dall’atmosfera quasi sempre dark, disturbante e surreale. Il game designer è principalmente ricordato per aver lavorato alla serie Drakengard e al sottovalutatissimo NieR, snobbato da molti per via della mole di problemi che lo affliggevano. Nonostante ciò Yoko Taro ha voluto riprovarci insieme a Platinum Games realizzando NieR: Automata. Anni dopo la fine di NieR, la Terra è stata dilaniata dalla battaglia tra l’umanità e l'esercito di macchine guidate dagli invasori arrivati da un altro mondo. Gli umani ora stanziati sulla Luna hanno deciso di porre fine al conflitto e inviare due androidi – 2B e 9S – per riprendere il controllo del pianeta. Per evitare spoiler non vogliamo dirvi altro, però vi assicuriamo che la trama messa su da Yoko Taro è ricca di colpi di sena, e momenti scioccanti che vi colpiranno duramente allo stomaco.

    La prima volta che porterete a termine NieR: Automata vi lascerà un po’ l’amaro in bocca, ma fa tutto parte del piano escogitato da Platinum Games e quel genio di Yoko Taro.
    Il titolo infatti per essere capito interamente deve essere completato per ben tre volte, e per tutte e tre le run sembrerà quasi di giocare a qualcosa di completamente differente.


    L’avventura dunque sarà sempre diversa in modi che non possiamo anticiparvi, e il tutto potrebbe portarvi alle 30 ore di gioco, o 40 se si considerano anche le varie missioni secondarie. Passando ora al gameplay vero e proprio, NieR: Automata propone una vera e propria rivoluzione del genere, con un mix di generi mai visti tutti in un unico gioco.

    L’opera di Yoko Taro è infatti condita da continui cambi di prospettiva che permettono di inserire senza soluzione di continuità nelle missioni fasi platform, combattimenti 2D, e fasi che ricordano molto da vicino i classici shoot’em up nipponici da bar, i cosiddetti Danmaku.

    Alla base dei combattimenti la maestria dei Platinum nel genere action si nota tutta, non tanto grazie alle combinazioni a disposizione della protagonista, Yorha 2B, quanto per la finezza della schivata: una sorta di slittata controllabile al millimetro che si sposa a meraviglia con la necessità di evitare i tanti proiettili lanciati dagli avversari robotici del gioco.

    16Games nier automata 3

    Ogni scontro, grazie alla fluidità di quella manovra difensiva e alla rapidità degli attacchi (semplici, ma comunque combinabili in più modi grazie a manovre variabili e alla possibilità di cambiare armi equipaggiate all'istante), risulta spettacolare e adrenalinico, e questo nonostante l'elemento più caratteristico in assoluto risulti essere quello di supporto, ovvero il Pod. Quest’ultimo è un robottino fluttuante che accompagna i protagonisti durante l'avventura, la cui funzione primaria sembra - almeno inizialmente - essere quella di basilare arma dalla distanza. In realtà però il parallelepipedo d'acciaio è molto vicino al Grimoire Weiss del primo NieR in quanto a utilità, poiché acquistando (o acquisendo tramite alcune quest) delle manovre a lui dedicate permette di usare mosse che ricordano da vicino la magia del predecessore. Si tratta peraltro di poteri complessi e adattabili a svariate situazioni, e si parte da un sempre utile laser per arrivare ad attacchi continuati dalla corta distanza, a bombardamenti a tappeto, e a un misto di poteri di supporto e barriere protettive.
    16Games nier automata 4Attorno al pod poi gira anche l'elemento ruolistico del gioco, ovvero la personalizzazione dei chip. Acquistati in negozio, potenziati tramite fusione (c'è una sorta di artigianato dedicato nell'accampamento principale) o trovati sui corpi dei nemici, questi componenti permettono infatti di potenziare attacco e difesa in vari modi, di personalizzare (o addirittura eliminare in toto) l'interfaccia, o di ottenere vari bonus di supporto come rigenerazione o miglioramenti alla mobilità. La presenza di tre configurazioni, non bastasse, garantisce anche di utilizzare diverse strategie, magari più marcatamente difensive, e si sposa bene con l'esistenza di ben due pod aggiuntivi con attacchi e magie sostituibili sparsi per il gioco (il loro ritrovamento è facoltativo, quindi è il caso di cercarli per bene). Giusto come ciliegina sulla già dolcissima torta, una volta controllati tutti e tre i pod diventa possibile utilizzare versioni potenziate dei poteri - basta tenere premuto il tasto dedicato finché la carica non è completa - davvero devastanti. Ma torniamo per un momento agli elementi "alternativi", perché il combat system è funzionale, ma non è certo l'unico punto forte delle meccaniche. Come detto Automata ha molti elementi da Danmaku, che di norma aprono e intervallano certe missioni, o vengono sfruttati per veri e propri boss.
    Vi ritroverete in un gioco nel gioco molto spesso durante l'avventura, magari a bordo di mech poderosi dotati di lame energetiche e mitragliatori (possono usare anche tipi alternativi di sparo, in base al pod equipaggiato) o in altre forme che non vogliamo svelarvi. E queste sezioni sono anche ben fatte, al punto da ricordare a tratti titoli da sala giochi dei bei tempi andati, nonostante non risultino chiaramente sempre impeccabili e perfettamente calcolate. Il massimo, il titolo lo dà proprio durante i boss, che come nel primo NieR risultano estremamente scenici e originali. Questi tuttavia, a differenza del predecessore, risultano anche piuttosto semplici da battere, soprattutto per via della potenza degli androidi e dell’efficacia del Pod e delle manovre utilizzabili. Ciò ovviamente non significa che la battaglie con i boss siano insoddisfacenti, anzi, come da tradizione Platinum le boss battle risultano adrenaliniche, eccessive e assolutamente spettacolari da vedere. La difficoltà generale tende comunque ad impennare a difficoltà Hard, anche se la sensazione di caos rimane.
    16Games nier automata 5A migliorare le cose contribuisce solo l'obbligo di recuperare il proprio corpo dopo la morte, pena la possibile perdita dei chip equipaggiati, ma si tratta comunque di una penalizzazione di poco conto (giocando online troverete persino i corpi degli altri giocatori, con la possibilità di ottenere bonus dal loro recupero), controbilanciata del tutto dalla possibilità di usarlo come alleato temporaneo se rianimato. Detto questo, parliamo comunque di un titolo infinitamente superiore in ogni aspetto puramente meccanico ai Drakengard, al predecessore, o a qualunque JRPG action quando si tratta di sistema di combattimento, al punto da poter venir scambiato a tratti per un action stiloso puro alla Platinum, ma evitate di fare questo errore. La software house ha infatti dimostrato con chiarezza un forte amore per l'originale con questo seguito, creando un titolo che offre sì la velocità e spettacolarità per cui è nota, ma che nell'anima altro non è che una versione riveduta e corretta proprio di NieR. Automata è d'altronde più classico nella forma di quanto possa sembrare, e a sezioni fulminanti alterna fasi di esplorazione della sua mappa aperta, o il possibile completamento di numerose quest secondarie piuttosto basilari, arricchite dall'umorismo di Taro o da alcune sottotrame ben più drammatiche e godibili di quanto si possa pensare. NieR: Automata non è quindi un gioco perfetto e soffre di qualche piccolo difetto, ma il vero problema è in realtà la grafica. Tecnicamente siamo pur sempre davanti a un titolo carente dal punto di vista sia della qualità delle texture che del dettaglio poligonale, con campo visivo limitato, un pop in di elementi secco e abbastanza fastidioso dalla distanza e una vegetazione che pare uscita dalla generazione precedente. E nonostante questo NieR: Automata ha problemi di frame rate, con scatterelli ingiustificabili mentre si vaga nelle zone estese (quasi sicuramente legati a qualche errore di codice, perché il gioco invece singhiozza raramente in battaglia, anche quando lo schermo si riempie di effetti particellari e proiettili). La cosa incredibile è che il frame rate non sembra perfettamente stabile nemmeno nella versione PlayStation Pro del gioco, a dimostrazione di un lavoro affrettato di ottimizzazione che, pur non rovinando l'esperienza, la incrina fastidiosamente. È una fortuna che a tappare i buchi ci pensino per lo meno le animazioni - fluidissime e di qualità altissima - e la direzione artistica che, pur restando volutamente blanda nelle zone iniziali - la palette smunta di colori è chiaramente voluta per mantenere lo stile vicino al primo NieR, così come il riutilizzo di certe location - riesce a stupire più volte mentre si prosegue. A indorare questa amara pillola infine ci pensa la colonna sonora, un altro capolavoro di Okabe capace di accompagnare in modo stratosferico le vicende. Difficile dire se sia all'altezza di quella ormai leggendaria del predecessore, ma è indubbio che il compositore questa volta abbia dato l'anima per il progetto, creando qualcosa di memorabile. Ed è proprio questo che NieR: Automata è nel complesso: memorabile. Non un titolo perfetto, neanche lontanamente, ma uno di quei giochi capaci di restare a lungo nell'immaginario collettivo. Il nostro consiglio è dunque quello di non farvi sfuggire NieR: Automata, saprà sicuramente sorprendervi come nessun gioco ha mai fatti fino ad ora.




    banner rubriche matrice 3banner card matrice 3


    16GAMES negozi in franchising di videogiochi, console, accessori, gadgets, merchandising, tornei, videogames usati ... it's play time


    Condividi sui Social