HORIZON: ZERO DAWN

  • DATA DI USCITA: 01.03.17
  • PREZZO: 69,99
  • SVILUPPO: GUERRILLA GAMES
  • PUBLISHER: SONY
  • GENERE: ACTION, GIOCO DI RUOLO
  • CONSOLE: PS4
  • VOTO:
    3.0/5 di voti (3 voti)
  • HORIZON: ZERO DAWN
    TRAILER
  • 16Games HZD 4A caccia di robot
    Dopo tanta attesa è arrivata sugli scaffali la nuova esclusiva Sony sviluppata dai Guerrilla Games, il team di sviluppo che ha dato i natali alla serie Killzone. Da uno studio che da sempre si è occupato di sparatutto nessuno si sarebbe mai aspettato una produzione del calibro di Horizon Zero Dawn, eppure i Guerrilla hanno dato forma ad un gioco davvero vasto e sorprendente. L’incipit del gioco ci pone in un futuro dove la Terra è stata sovrastata dalla natura e l’umanità è ora suddivisa in tribù dalle credenze e usanze quasi primordiali. 
    16Games HZD 3Non mancano ovviamente testimonianze del passato, a partire dalla presenza delle macchine, creature robotiche dalle sembianze animali che agiscono per conto proprio, mentre una sorta di corruzione si sta diffondendo e banditi disposti a tutto vogliono imporre il proprio dominio sotto forma di schiavismo. Poi c'è la protagonista principale, Aloy, della quale seguiremo il percorso alla ricerca di risposte, quelle sulla propria nascita e sulle macchine stesse. Insomma una trama davvero interessante e ricca di colpi di scena che darà il meglio di sé con il proseguire dell’avventura. Come ogni titolo del genere che si rispetti, Horizon Zero Dawn parte piano, introducendo alle dinamiche di gioco e alla conformazione della mappa, grazie a missioni che permettono di sperimentare le fasi stealth, gli scontri diretti e l'incontro ravvicinato con le prime macchine. Ciascuna ha un rivestimento di metallo in grado di garantire protezione, nonché un comportamento e modalità di attacco differenti con punti deboli specifici, rappresentati ad esempio da un circuito che governa i colpi a distanza, un serbatoio di vampa (liquido infiammabile) e una centralina per attivare il radar. 

    16Games HZD 7

    16Games HZD 8Dopo qualche manciata di missioni si incontrano robot più complessi: per avere la meglio bisogna quindi sfruttare le debolezze e magari disattivare le componenti più pericolose, in maniera tale da affrontare il resto dello scontro nella maniera migliore possibile. Le creature robotiche, ad ogni modo, rappresentano solo un tassello - importante - della storia complessiva, perché giocoforza banditi e altri umani assetati di potere sono protagonisti in grado di cambiare le sorti della storia e sfruttare le macchine a proprio piacimento. In relazione a questo sono presenti diverse missioni che richiedono di interagire con altre persone o affrontarle come antagoniste, non solo durante le missioni principali, ma anche in quelle attività secondarie di liberazione avamposti. In questo caso l'approccio stealth è quello che paga maggiormente, poiché si tratta di insediamenti molto popolati; nella malaugurata ipotesi di essere scoperti, il divertimento generale subisce un contraccolpo, poiché gli scontri risultano meno appassionanti e l'intelligenza artificiale manifesta le sue lacune in misura maggiore. Tuttavia laddove l'intelligenza artificiale non eccelle mai particolarmente - nemmeno durante gli scontri con le macchine - il piacere di utilizzare l'arsenale di Aloy, nonché l'abilità richiesta per avere la meglio, sopperiscono ampiamente a queste criticità, regalando combattimenti coinvolgenti.

    Il fido compagno della protagonista è l’arco, che può essere potenziato o scambiato per una versione migliore; non mancano varianti sotto forma di frecce incendiarie, nonché gadget come la fionda, una balestra per creare trappole elementali e altri aggeggi che possono essere acquistati dai mercanti sparsi per la mappa: sfruttare gli elementi e le armi in grado di generare un’onda d’urto permette di sfruttare al meglio le debolezze di ciascun avversario.

    Durante i combattimenti sarà possibile accedere alla ruota delle armi senza andare in pausa, ma rallentando il tempo per permettere la selezione corretta o la creazione delle "munizioni": le risorse accumulate (o acquistate) servono proprio per fornire in autonomia tutto quello che serve per il sostentamento della protagonista principale. 
    Un altro oggetto molto importante è il Focus, che si attiva mediante R3: in questa maniera è possibile individuare i nemici attraverso gli ostacoli, marcarli, evidenziare il loro percorso o i loro punti deboli. Il genere a cui appartiene Horizon Zero Dawn si posiziona all'interno degli action RPG, con la prima componente molto forte, affiancata da una struttura RPG corposa, ma non così complessa e profonda come gli esponenti massimi del genere. L'eroina dai capelli rossi può avanzare di livello migliorando la propria energia, dispone inoltre di tre rami di abilità - predatrice, audace, raccoglitrice - all'interno dei quali spendere punti per acquisire caratteristiche atletiche e funzionali. 
    16Games HZD 5Abbiamo poi armi ed equipaggiamento di rarità differente, con slot di modifiche in grado di alterare ad esempio resistenze o attacchi elementali. E ancora, missioni principali e secondarie, commissioni specifiche e liberazioni di avamposti, macchine Collolungo da "scalare" per sbloccare i punti di interesse dell'area circostante. Insomma ci saranno un sacco di cose da fare in Horizon e il tutto verrà innestato in una progressione narrativa costante, alternata da esplorazione e combattimenti, per un risultato decisamente bilanciato. La mappa di gioco è sufficientemente grande per offrire una varietà non solo visiva, ma anche di "fauna": abbiamo contato 25 tipologie di macchine differenti, assieme agli umani e qualche animale da cacciare per recuperare materiale utile per i mercanti. 
    16Games HZD 10Durante l'esplorazione è possibile scovare punti di osservazione, reperti antichi, fiori di metallo; non aspettatevi molte città dalle dimensioni importanti, piuttosto diversi avamposti ed insediamenti che fanno da supporto ai luoghi chiave in termini di storia.

    In aggiunta agli elementi di superficie esistono bunker da esplorare e i calderoni, dungeon classici su più livelli forieri di tecnologia “aliena”, spesso presidiati da macchine di generose dimensioni: la loro esplorazione permette di acquisire informazioni narrative e la conoscenza per sovrascrivere il comportamento delle creature robotiche, il cosiddetto “override”.

    senza essere scoperta, infatti, è possibile premere il triangolo per guadagnarne il controllo, con utilità diverse a seconda della creatura. Tecnicamente Horizon è afflitto da alcuni problemi legati ai dialoghi e alle sequenze di intermezzo: i modelli poligonali risultano eccellenti, ma il labiale è a dir poco mediocre, con una recitazione statica e poca cura nelle transizioni tra un'inquadratura e l'altra. 
    Solo gioia ed esaltazione, invece, per il resto del comparto tecnico: un mondo lussureggiante e colorato, le macchine realizzate con dovizia di particolari e animate alla perfezione, e un sistema di illuminazione che offre scorci clamorosi durante i diversi momenti della giornata. La colonna sonora risulta egualmente di pregevole fattura, a partire dal tema principale, così come gli effetti sonori. Il doppiaggio, sia in italiano che in inglese, dal punto di vista tecnico è senza infamie né lode, quando viene "associato" al labiale le cose però si fanno peggiori. Horizon non è dunque privo di difetti, ma si conferma comunque come la migliore esclusiva Sony attualmente presente sul mercato, dunque il nostro consiglio è quello di farlo vostro quanto prima.

    banner rubriche matrice 3banner card matrice 3

    16GAMES negozi in franchising di videogiochi, console, accessori, gadgets, merchandising, tornei, videogames usati ... it's play time


    A caccia di robot

    Condividi sui Social